Associare alla dieta un idoneo programma di esercizio fisico è fondamentale per ottenere migliori risultati con la bilancia. L’attività va fatta però nel modo giusto, meglio se con una guida esperta, senza porsi traguardi impossibili e con un programma che sia anche divertente e rilassante.

Che attività scegliere?

Quali attività scegliere dipende molto dallo stato di salute e dal grado di allenamento. Bisogna in primo luogo evitare che un esercizio fisico troppo intenso ed esasperato porti a danni all’organismo: prudenza, gradualità e un check up preliminare sono sempre consigliati.

Detto questo, gli esercizi aerobici, come la marcia, la corsa, il nuoto, sono chiari esempi di attività in cui le grandi masse muscolari sono coinvolte consentendo di bruciare molte calorie. Ciò che conta, però, è la frequenza dell’attività, che non deve essere sporadica ma possibilmente quotidiana, ed è soprattutto la durata dell’allenamento, che dovrebbe raggiungere gradualmente almeno i 50 minuti continuativi.

Per quanto riguarda la frequenza cardiaca, è utilissimo controllarla e mantenerla su un valore pari ad almeno il 70 per cento della frequenza cardiaca che si riesce a raggiungere con uno sforzo massimale.

Ossigeno ai muscoli

Questo tipo di esercizio consente di far arrivare molto ossigeno ai muscoli, di migliorare l’efficienza della circolazione e del metabolismo a livello muscolare e di sfruttare anche il maggior consumo calorico che si ha nelle ore che seguono l’allenamento. Al termine di un esercizio fisico, infatti, le attività metaboliche non ritornano immediatamente al loro livello di riposo, ma necessitano di un tempo più o meno lungo a seconda dell’intensità e della durata dell’esercizio per ripristinare le scorte energetiche, smaltire l’acido lattico, riparare le cellule lesionate dall’esercizio ecc. Più lo sforzo è stato intenso, più si allunga questo periodo in cui anche stando a riposo vengono bruciate più calorie.

Quando fare esercizio fisico

L’orario migliore per allenarsi è quello del mattino, prima di colazione, quando le scorte di glicogeno sono state in parte consumate dal digiuno notturno ed è più facile mobilizzare i grassi di deposito; è assolutamente da evitare invece l’attività dopo i pasti, quando l’afflusso di sangue ai muscoli viene ostacolato dalla digestione.

Per dimagrire di più

Per chi vuole dimagrire è validissima anche una attività di potenziamento per i principali gruppi muscolari, da eseguire un paio di volte alla settimana, in grado non solo di mantenere il corpo più agile e snello ma anche di innalzare il metabolismo basale (i muscoli sono la componente corporea che consuma più energia). Sono poi sufficienti alcuni minuti di esercizi quotidiani di allungamento muscolare per la prevenzione dei traumi.

Fonte: Gianfranco Beltrami, docente Corso di laurea in Scienze motorie, Università di Parma

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite su questo sito sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico.

3 Comments
  • Martin Moore
    Posted 12/10/2017 3:46 pm 0Likes

    Me and my family love your blog and keep waiting for more useful information!

  • Miki Williams
    Posted 12/10/2017 3:47 pm 0Likes

    The site looks great on any device, thank you for the design!

  • Alisha Williams
    Posted 12/10/2017 3:47 pm 0Likes

    Thank you for the positive feedback!

Leave a comment