Si parla tanto di Bio, attribuendo al termine significati diversi e non sempre corretti. In fondo, Bio significa coltivare rispettando la terra come facevano i nostri nonni, e non solo perché la amavano, soprattutto perché sapevano bene che la terra maltrattata si ribella, si inaridisce, smette di produrre.

Lasciamo fare alla natura

I contadini di un tempo usavano fertilizzanti naturali, ruotavano le colture perché sapevano che, grazie alla rotazione, il terreno assorbe tipi di nutrienti diversi da quelli assorbiti dalle piante presenti precedentemente.

Con la rotazione delle colture limitavano l’utilizzo di antiparassitari, pesticidi, diserbanti e ottenevano prodotti migliori. Oggi tutto questo si chiama Agricoltura Biologica.

Agricoltura Biologica

Il termine si arricchisce di concetti moderni ma, in fondo, si tratta di offrire al consumatore prodotti freschi, genuini e privi di sostanze chimiche e, per farlo, bisogna ridurre il più possibile l’impatto ambientale dell’attività agricola, facendo in modo che ogni fazzoletto di terra venga utilizzato nel rispetto dei suoi cicli naturali e quindi in modo eco-sostenibile, riservando naturalmente una grande attenzione anche al rispetto degli animali, dell’aria e dell’acqua.

Agricoltura Biologica

Per questo è importante acquistare Bio: per salvaguardare la nostra salute e proteggere la Terra, la nostra casa comune.

Se la distruggiamo nessuno ce ne potrà costruire un’altra.