Facciamocene una ragione, la nostra pelle, questa barriera naturale che protegge il corpo, è sottoposta a molti fattori che la possono danneggiare. Il primo è la forza di gravità.

La forza di gravità sulla pelle

Inutile cercare di combatterla, possiamo ritardare la battaglia finale ma sarà sempre lei a vincere (a meno di non ricorrere alla chirurgia plastica, ma questa è un’altra storia.).

Nel frattempo si possono prendere delle misure per aiutare la pelle a rimanere elastica.

I fattori di invecchiamento della pelle

L’invecchiamento della pelle, oltre che dalla forza di gravità, che tutto spinge verso il basso, e dal passare naturale del tempo, può essere accelerato anche da altri fattori come il sole, le intemperie, lo stile di vita, la dieta, le cattive abitudini (specialmente il fumo) e anche l’ereditarietà.

Quando si comincia a invecchiare,  la pelle non è più così liscia o tonica come una volta, diventa più secca e ruvida.  Con l’assottigliamento dell’epidermide la pelle diventa più trasparente e fragile.

La formazione delle rughe

Gli effetti dell’invecchiamento sulla pelle si fanno notare presto perché alla formazione di rughe contribuiscono: la perdita del tessuto elastico (elastina) e del tessuto muscolare insieme a… indovina? La forza di gravità!

Prima che la  pelle diventi flaccida e cadente, proviamo a fare un po’ di prevenzione.

Attenzione ai danni del sole!

L’esposizione alla luce solare è uno dei maggiori responsabili di invecchiamento della pelle, infatti, nel corso del tempo, i raggi ultravioletti del sole (UV) danneggiano le fibre di elastina provocandone la rottura (pensate a quelle molle che con il tempo perdono elasticità, le molle delle mutande, per esempio.
La rottura delle fibre di elastina provoca perdita di tono e di elasticità e fragilità del derma.
Così, mentre i danni del sole non sono visibili da giovani, con il tempo si riveleranno spietatamente!

Niente corregge i danni del sole

Nulla può correggere completamente i danni del sole , anche se la pelle a volte può avviare il processo di riparazione naturale e fisiologico. Bisogna essere consapevoli che i danni solari sono cumulativi sulla pelle, più volte ti scotti più la tua pelle invecchia!
I danni potrebbero essere non visibili per molti anni e poi esplodere  all’improvviso, quindi meglio proteggersi per tempo dall’invecchiamento precoce.

Le espressioni facciali

Abbiamo detto che non si può combattere la gravità, .ma ci sono altri fattori che possono essere controllati, ad esempio le espressioni facciali.

Non vogliamo certo consigliarti di non sorridere e di non esprimere emozioni! Un viso immobile potrà anche avere meno rughe ma se non esprime sentimenti non esprime neppure bellezza.

I segni delle emozioni

I segni delle emozioni diventano più visibili quando la pelle comincia a perdere la sua elasticità. Le linee possono apparire orizzontalmente sulla fronte, verticalmente sulla pelle sopra la radice del naso, con piccole linee curve sulle tempie  e sulle  guance superiori, intorno alla bocca. Anche le pieghe del sonno che si formano a seconda di come si tiene il viso sul cuscino  possono diventare più visibili quando la pelle inizia a perdere elasticità.

Combattere i segni del tempo

Quindi, come combattere i segni del tempo? Mantenendo la pelle idratata, evitando l’uso eccessivo di saponi e i bagni troppo caldi. 

Anche se l’Invecchiamento della pelle è un processo naturale inarrestabile, adeguati trattamenti possono migliorare l’aspetto e la salute generale della pelle.
Per una bellezza sana e naturale però, ricorda cosa disse la grande Anna Magnani

“Lasciami tutte le rughe , non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele venire!”

Quindi, evviva tutti quei bei visi che, anche se curati, dimostrano comunque la loro età,  che comunicano ancora le emozioni, che testimoniano con dignità ed orgoglio la naturale conseguenza della vita stessa.

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite su questo sito sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico.