Se per te la vacanza al mare equivale a ore interminabili sulla spiaggia, olio abbronzante, cuffiette, bagni e libri, tutto condito da un bel po’ di relax senza pensieri…ora che hai avuto un figlio tutto cambia.

Un’impresa da supereroi

Anzi andare con un neonato in spiaggia a volte può sembra un’impresa da supereroi: tutto deve essere organizzato alla perfezione, dalla merenda alla crema protettiva, dall’ombrellone al cambio vestiti e costume, fino ai rigidi orari da rispettare per salvaguardare i più piccoli dai rischi del sole. In realtà il primo bagno al mare con il proprio cucciolo è, come tutti gli avvenimenti della maternità e paternità, un’avventura meravigliosa. Basta essere consapevoli dei potenziali rischi e non lasciare nulla al caso.

Andare al mare fa bene ai bebè

Nuove scoperte e contatto con la natura – L’ambiente diverso è fonte di scoperte sempre nuove per il bebè, che ha la possibilità di sperimentare e giocare con materiali nuovo come la sabbia a l’acqua salata; oltre a trovare per esempio alghe, conchiglie o sassolini colorati.
Un ambiente rilassante – Il suono del mare tranquillizza i bebè anche piccolissimi
Una boccata di aria di mare – Acqua salata e aria di mare aiutano a contrastare numerosi e molto comuni problemi tipici dei bambini, come malattie della pelle tipo eczemi oppure respiratori come l’asma.
Il sole è un utile alleato della crescita – Un po’ di sole preso ogni giorno, con moderazione, aiuta la crescita delle ossa attraverso la sintesi della vitamina D.

10 regole da seguire con un neonato in spiaggia

Crema solare ad alta protezione – Ancora prima di scendere in spiaggia copri generosamente il bebè con una buona crema sola ad alta protezione. Ripeti l’operazione dopo ogni bagno.
Neonato con meno di 3 mesi – Limitati a fargli bagnare i piedini sul bagnasciuga. Anche se il neonato è più grande, cercate di rendere i primi approcci con l’acqua del mare graduali, per esempio giocando sul bagnasciuga oppure riempiendo una piscinetta di acqua salata da mettere vicino al mare in modo da creare un ambiente più raccolto e confortevole per il bebè.
Non usare il pannolino – Meglio costumi da mare e da piscina lavabili
Bagnetti brevi – Il bagno in ogni caso dovrebbe durare poco, al massimo 10 minuti ogni volta.
Dopo il bagno – Assicurati di asciugare bene il bebè e di controllare che non abbia acqua nelle orecchie prima di rimettergli la crema solare.
Idratazione continua – Se allatti ancora fai mangiare spesso il bebè in modo tale da non rischiare la disidratazione. Se invece il bambino è già svezzato dagli da bere spesso acqua. Combatti il caldo con tanti liquidi freschi e un bel bagno con amido di riso.
Evita le ore più calde – L’ideale per andare in spiaggia con un bambino piccolo sono le prime ore della mattina quando il sole non è ancora forte e non c’è molto affollamento che potrebbe innervosire il bebè. Di pomeriggio, mai prima delle 16,30-17,00, quando il sole inizia a calare e anche l’acqua è più calda.
Protezione completa – La crema solare ovviamente non basta, quindi mai recarsi in spiaggia senza ombrellone, cappellino e magliettina per il bebè.

 

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite su questo sito sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico.