Passeggiare in acqua fa bene e lo sanno tutti. Non solo al corpo però, anche all’umore, infatti, migliorando la circolazione, il sangue affluisce al cervello e regala serenità.

Il mare è una terapia antica

È una terapia nota fin dai tempi dell’antica Grecia e perfettamente nota anche alle nostre nonne che passeggiano instancabili sul bagnasciuga con il loro asciugamanino antiscottatura sulle spalle, il cappello di paglia e il sacchettino per le conchiglie.

Due passi sulla battigia sono utili a qualsiasi età, Dai bambini fino agli anziani non esistono fasce di età in cui è sconsigliabile eseguire ginnastica in acqua, ma per migliorare ulteriormente l’azione di queste passeggiate in mare è preferibile farle il mattino presto, quando l’acqua ha una temperatura più fredda che svolge un’azione tonificante per i vasi sanguigni. 

Fa bene alle ossa

Passeggiare in riva al mare è utile anche per combattere l’osteoporosi perché il movimento stimola le cellule delle ossa a riprodursi. Inoltre il sole stimola la produzione di vitamina D, che ha una azione fondamentale per fissare il calcio alle ossa e quindi renderle più forti.

Anche coloro che hanno i piedi piatti o l’alluce valgo ne traggono beneficio perché l’acqua riduce le sollecitazioni alle articolazioni del piede.

Attenti alle ferite

Attenzione però in caso di ferite o escoriazioni. È meglio attendere che siano rimarginate per evitare che minuscoli granelli di sabbia entrino nella ferita con il rischio di causare una infezione. Al di là del bruciore che l’acqua salata provoca, una prolungata permanenza in acqua potrebbe fare macerare la pelle e quindi ritardare il fondamentale processo di cicatrizzazione.

Mare di bellezza

Anche la pelle e l’aspetto delle gambe traggono beneficio da queste passeggiate: nell’acqua di mare sono presenti sali minerali che nutrono la pelle e la purificano.

La sensazione di benessere causata dagli esercizi in acqua o dalle passeggiate sulla sabbia è insostituibile. Ci si sente più attivi ma anche più rilassati: il movimento provoca il rilascio di una sostanza, a livello cerebrale, che si chiama dopamina, che migliora la nostra vitalità.

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite su questo sito sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico.