Acquistare occhiali da sole in vista dell’estate è il modo migliore per proteggersi dai danni dei raggi solari. Ma attenzione a non privilegiare soltanto gli aspetti estetici.

Scegliere la lente giusta

Bisogna scegliere con attenzione la lente giusta: quella adatta a filtrare sia i raggi Uv sia la cosiddetta Luce blu. Questo tipo di radiazione luminosa molto spesso viene sottovaluta perché è poco conosciuta pur essendo molto pericolosa. L’occhio umano infatti, a causa di un naturale difetto, non riesce a mettere a fuoco la Luce blu sulla retina, rischiando così di danneggiarla seriamente.

Scegliere un prodotto di qualità

Gli occhiali da sole devono essere di buona qualità, soltanto così possono assorbire i raggi dannosi e filtrare la luce, consentendo agli occhi di sforzarsi di meno. “Per capire se il prodotto che scegliamo è di qualità – spiega il dottor Francesco Loperfido, responsabile del servizio di Oftalmologia generale presso l’unità operativa di Oftalmologia e Scienze della Visione dell’ospedale San Raffaele di Milano – bisogna accertarsi che abbia il marchio CE: le lenti sono adatte a filtrare le radiazioni solari e la montatura antiallergica”. Ma acquistare in un centro di ottica specializzato è un’ulteriore garanzia di qualità, poiché serve ad evitare contraffazioni.

“Per una protezione oculare ancora più efficace – continua Loperfido – è importante anche associare al tipo di lente una colorazione che consenta di selezionare le onde luminose. Le tonalità come il rosa, l’azzurro e il fucsia, sono quelle sconsigliate: rispondono ai canoni estetici dettati dalla moda ma non servono contro il sole. Il giallo ha un duplice vantaggio: filtra le radiazioni ultraviolette ma non oscura il paesaggio. Le migliori sono le lenti marroni, particolarmente indicate per chi ha problemi di miopia, e quelle grigio-verdi, indicate invece per chi ha un difetto visivo come l’ipermetropia. Entrambe non falsano i colori e difendono bene dalla luce intensa”.

Infine bisogna valutare la purezza della lente. Sulla superficie non devono esserci ‘aberrazioni’ e per accorgersene basta muovere la lente con un movimento circolare, se l’immagine riflessa viene distorta allora l’occhiale non è di buona qualità.

Fonte: repubblica.it

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite su questo sito sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico.