Il bruciore di stomaco è davvero un fastidio molto comune ma non sempre si tratta di gastrite: potrebbe essere uno stress momentaneo o una rabbia interna che non riuscite a calmare o, ancora più semplicemente, una cattiva alimentazione.

Senza mai trascurare il parere di un medico, è chiaro che ci sono dei piccoli segnali per capire se siete affetti da questo disturbo oppure no.

Se dunque l’acidità vi accompagna come un’amica fedele, se siete sempre con i gastroprotettori in borsetta e se non riuscite a vivere senza il vostro pacchetto di cracker salva-vita, beh, sarebbe proprio il caso di dare una lettura a questo piccolo elenco qui sotto. Probabilmente state sbagliando qualcosa!

Il caffè: se hai problemi di reflusso o di bruciare di stomaco, sognalo, non prenderlo! Ci rendiamo conto che si tratta della bevanda più utilizzata e amata dagli italiani, ma qui si tratta di salute! Se prendi un espresso lo pagherai per le 24 ore successive. Opta per decaffeinato e ginseng.

Gomme da masticare: rinfrescheranno anche l’alito ma qui il problema da risolvere è un altro. Le chewing gum (ahinoi) corrodono anche l’anima!

Non saltate la colazione: i succhi gastrici, infatti, vi si mangiano da dentro già durante la notte. Quindi, prevenite il problema e mangiate appena svegli.

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite su questo sito sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico.